WhatsApp Chat
Carrello 0 Prodotto Prodotti (vuoto)

Non ci sono prodotti

To be determined Spedizione
0,00 € Totale

Vai al carrello

Prodotto aggiunto al tuo carrello

Quantità
Totale

Ci sono 0 prodotti nel tuo carrello C'è 1 prodotto nel tuo carrello

Totale prodotti
Totale spese di spedizione  To be determined
Totale
Continua lo shopping Procedi al checkout

ViVa Kids utilizza cookies propri e di terze parti per finalità tecniche, di analisi, statistica e di profilazione e remarketing. Maggiori informazioni e modalità di gestione delle tue preferenze sui cookies di terze parti sono disponibili al link Informativa sui Cookie. Cliccando sul pulsante "Accetto e Chiudi" o continuando a navigare su questo sito, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto e Chiudi
close

Inizio dell'asilo: consigli di sopravvivenza

Inizio dell'asilo: consigli di sopravvivenza

Il momento si avvicina: per molti bambini sta per iniziare la bellissima avventura dell'asilo nido o della scuola dell'infanzia.

IL PRIMO SCOGLIO: L'INSERIMENTO


L'inizio di una nuova avventura, in un nuovo ambiente, con nuove persone e nuove regole non è semplice, né per i bambini né per i genitori (mamme ansiose soprattutto).

Molte mamme al solo sentire la parola inserimento vanno già in iperventilazione, trasmettendo immancabilmente la loro ansia anche ai bambini.


Temete che piangerà? É molto probabile che almeno una volta lo farà ed è anche assolutamente naturale.

Ma non piangerà per tutto il giorno e ogni giorno per l'eternità della sua vita scolastica. Quindi fatevene una ragione, prendete un bel respiro e MANTENETE LA CALMA E LA SERENITÁ.

Una volta che vi siete tranquillizzati voi, potrete mettere in atto una serie di piccoli accorgimenti per rendere questo momento di transizione più sereno anche per vostro figlio:

  • Raccontategli che andrà all'asilo e cosa farà
  • Rassicuratelo sul fatto che andrete sempre a riprenderlo
  • create un rituale nel momento del saluto
  • Se è permesso dalla struttura, lasciategli portare un peluche o un oggetto a lui caro, che lo rassicurerà in vostra assenza
  • Salutatelo e non scappate come ladri colti in flagrante appena lui si volta, ma allontanatevi con fermezza dopo avergli dato un bacio e un abbraccio
  • Al momento del saluto non raccontategli bugie: non ditegli "torno subito", ma dategli un'idea precisa del tempo in cui starete via (es: torno dopo il tuo riposino, ecc.)
  • Rispettate i suoi tempi: ci sono bambini che si ambientano prima e altri dopo. Non è una competizione tra mamme o tra bambini a chi smette di piangere prima.

In qualsiasi caso, tentate di essere sereni il più possibile e di avere fiducia nella bravura delle educatrici e nella capacità di adattamento dei vostri figli. Vedrete che tutto andrà bene.

IL SECONDO SCOGLIO: LA CHAT DELLA SCUOLA

Purtroppo questo è uno scoglio bello grosso che vi accompagnerà molto probabilmente per gran parte della carriera scolastica del vostro ragione.

La WhatsApp Chat scolastica è sicuramente utile per una comunicazione veloce tra genitori su questioni riguardanti la scuola, peccato che però spesso venga usata indebitamente e, alla fine, diventi una fonte di stress.

Come sopravvivere?

Vi proponiamo una soluzione civile da condividere sul vostro gruppo, consistente in un piccolo galateo da chat:

Attenersi al tema SCUOLA/ASILO: gli inviti di compleanno, il volantino del supermercato, la partita di calcio e/o il laboratorio per bambini che si tiene alla sagra della polenta vanno comunicati in altra sede
Non inoltrare vignette o link spiritosi

  • Evitare di scrivere 1000 volte GRAZIE: chi invia un'informazione utile alla classe si consideri tacitamente ringraziato
  • Porre domande e inviare informazioni utili a TUTTI e non solo all'individuo
  • Se un piccolo si ammala, evitare la caccia all'untore
  • Consideriamo tacitamente come inoltrati vicendevolmente gli auguri di Natale, Capodanno, Befana, San Valentino, festa della donna, festa del papà, festa della mamma, festa del cane, Ferragosto e di buon inizio/fine scuola
  • Non è necessario scrivere "Buongiorno/Buonanotte" ogni santissimo giorno: come sopra, consideriamoci tacitamente salutati vicendevolmente ogni giorno


Non funziona?

Le soluzioni alternative proposte dai vari esperti in materia sono molteplici e vanno dal creare una chat di soli papà (metodo di dubbia efficacia, perché poi va a finire che litigano per la partita di calcio della sera prima), al mettere di default l'impostazione Silenzia Gruppo forever and ever, fino all'estremo fingere di non avere WhatsApp.

BUON INIZIO!

Prodotti correllati

Share this post

Commenti (0)
No comments at this moment